Le ricette per ogni evento... - Ideato da Antonietta Ronghi -

Cerca nel blog

Ragù a modo mio

Il ragù è la salsa più profumata del mondo di ogni famiglia napoletana e verace,
si mette in tavola ogni domenica e ogni altra festa familiare.
 L'origine di questa salsa risale fin dalla metà del 700
la parola proviene dal francese " Ragout , Ragouter "
che significa rinforzare il gusto.
La ricetta di oggi è una variante della classica, un misto tra  l'antico e il moderno.
vi invito a provare.




INGREDIENTI
500 g. di vitellone a pezzi 
500 g. di puntine di maiale ( tracchie )
1 carotina,1 gambo di sedano,1 cipolla
1 spicchio d'aglio, basilico
1 bicchierino di concentrato di pomodoro
1 bicchiere di vino bianco 
800 g. di pomodoro passato
Scaldate una pentola ,versate la carne senza aggiungere olio per farla asciugare,
dopo pochi minuti aggiungete l'olio e far rosolare.









mettete le verdure tritate e l'aglio,
 tranne il basilico, prima che scuriscano versate il vino e  sfumate. 



Ora è il momento del concentrato di pomodoro
versate e mescolate per fargli prendere corpo con la carne
infine aggiungete la passata di pomodoro,il sale e il basilico.




Lasciatelo " pappuliare" a fuoco lentissimo per almeno 2 ore.
 Se nel frattempo vedete che si asciuga troppo
aggiungete un poco d'acqua


.

Se vi garba perdete qualche minuto per leggere questa bella poesia di Rocco Galdieri


I' mo, trasenno 'a porta, aggiu sentuto
l'addore d' 'o rraù.
perciò...Stateve bona!.. Ve saluto..
Me ne vaco gnorsì..Ca si m'assetto
nun me ne vaco cciù..
E succede c'aspetto
ca ve mettite a ttavula..E nu' sta...
Cchù certo ' è che, sò maccarune ' e zita
L'aggiu 'ntiso 'e spezzà trasenno 'a porta.
E' 'overo? E s'è capita 
tutt'a cucina d'ogge:
Sò brasciole, sò sfilatore ' annecchia,
niente cunserva: tutte pummarole
passate p' 'o setaccio...
E v'è rimasta pure ' na pellecchia
'ncopp' 'o vraccio...
pare 'na macchia 'e sango...
Permettete?
V' 'a levo. Comm'è ffina
'sta pelle vosta...e comm'è avvellutata:
me sciulia sotto 'e ddete...
E parite cchiù bella stammatina.
' O ffuoco, comme fosse,v'ha appezzata.
State cchiù calurita
Cchiù certo è che..sò maccarune 'e zita..
Ma ì me ne vaco...Addio..Ca sì m'assetto
nun me ne vaco cchiù...
E succede c'aspetto...
ca ve mettite a ttavula...p'avè
'nu vaso c' 'o sapore 'e stu rraù!


3 commenti:

  1. Che fame,buono il ragù,proverò la tua ricetta!!

    RispondiElimina
  2. bellissimo questo ragù e grazie anche per la poesia!!!
    le tue ricette mi piacciono molto!
    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania, ho dato una sbirciatina alle tue ricette....mi piacciono...e ti ho dato MI PIACE su Facebook...!!

      Elimina

Vi ringrazio tantissimo per essere passati ,se lasciate la vostra traccia con un commento ne sarò felice..!!

Se ti piace la mia cucina, lascia il tuo segno....con un clic...!!

Visualizzazioni totali